A volte occorre lottare per dire l’ovvietà. Occorre esser ribelli, quasi eversivi per capire le differenze tra semplicità e banalità. Capita di navigare e di sgranare gli occhi per lo stupore: quello che pensavo fosse solo una mia fissa, una mia ubbia o addirittura una mia paranoia è invece un “problema” che ha già letteratura […]

Read More →

Io non parlo, non ne ho la competenza. Poi sono parte in causa (sic). Sono esacerbato coi webeti dei social networks, che si permettono di giudicare facchetti. Ma possibile che tutti questi organi della magistratura siano in malafede o interisti? 01 – 14 luglio 2006, primo grado di Calciopoli 02 – 25 luglio 2006, secondo […]

Read More →