In questi giorni di stanca, solo i pennivendoli del calciomercato fremono: sono in fibrillazione per affari che avevano già dato per certi un’anno fa, sei mesi fa, un paio di settimane fa. Ma non li biasimo, mi inteneriscono; manderei in istituto quelli che acquistano: Gazzetta, Corsport e, soprattutto, Tutto Sport. Soldi spesi bene, quelli per […]

Read More →

Alle medie e alle elementari c’era un bambino che si divertiva a fare scherzi e stupidi giochi di parole, in questi 3 giorni finali di Gennaio. Erano i giorni della merla e quel bimbo ero io. Un retaggio un po’ provinciale, molto divertente perché rustico, sanguigno e… autoctono. Per celebrare un po’ questi ambienti da […]

Read More →

Guardare bene, prego. Le mani sono di un colore, la faccia di un altro. Gli zigomi e le palpebre, vabbé. I capelli, un tappetino vellutato ora invitante. Mette di buon umore, sorriso solare anche se fa freddo. Come per i cioccolatini di Forrest Gump, o la pallina da tennis di Match Point, non sai mai […]

Read More →

Sono snob, sono di sinistra, ho la puzza sotto il naso… ma è tutto così incantevole, magico, fatato e luminoso.! una nevicata grandiosa, dall’hinterland fino a Milano; stanotte ho dormito vigile – con la folle e lussuriosa speranza continuasse per sempre. Alle 3 lo spazzaneve, blando palliativo nel silenzio totale. La palestra arriva prima, oggi: […]

Read More →

Questo è quanto si vede dal finestrone del mio ufficio di Palazzo Durini. Dedicato a chi oggi ha scarpinato a lungo per Milano e l’hinterland.

Read More →

Pomeriggio trafelato: i server funzionano sussultando senza chiarire se siano problemi di T3l3com o nostri. Traffico annichilito e tanta incertezza. Anche per gli editor poche sicurezze, a parte il risultato abbastanza tranquillo e le interviste che partiranno dalla una di notte. Comincio a farmi un po’ di menate sull’età: la frequentazione allopatica della palestra a […]

Read More →

Colorado Kid , 180 pagine che volano in qualche giorno. Accantonato ogni retaggio su Stephen King, ci si imbatte in una storia lineare su giornalismo, provincialismo e normalità. La curva dell’interesse è una gaussiana: il plot prende pian piano fino al finale… spiazzante. Un mistero nel Maine, una morte misteriosa in un universo ristretto e […]

Read More →

Lo slogan è accattivante: “milano non aver paura, non sono un moderato”. Ma, come per certi blockbuster il trailler è migliore del film, il claim ha superato lo svolgimento dello spettacolo. Dario Fo e la campagna per le primarie, uno spettacolo un po’ confuso al PalaMazda. Fo resta un grande, ma il palco, la formula, […]

Read More →