L’autorevole testata “Metro Milano” recita: nel 1520 veniva assassinato Montezuma. Sono reduce da tre giorni in campeggio, borderline tra Veneto ed Emilia. In una lingua di terra ritagliata tra le foci dell’Adige e del Po c’è la roulotte dei miei suoceri. Come salmoni, hanno capitolato di fronte al richiamo ancestrale della terra natia. Il campeggio […]

Read More →

Mi preparo per un finesettimana lungo al mare, ma mi colpiscono alcune cifre sulla stampa. Repubblica: Abram0v1ch cena, con moglie,per 35mila euro in Portogallo. Corriere: vanno a ruba i loft extra lusso in centro. Rimangono sul mercato solo un paio di mesi. A partire da 12 mila eur/mq Repubblica: per la sola villa in Sardegna […]

Read More →

La strada tace, e ancora due anni di limbo. Uno di quei momenti in cui, anni dopo, riesci sempre a ricordare dov’eri. Come quando volò via Senna. Ieri ero in panciolle, svaccato a sentire la Gialappa’s Band. 10 anni fa, negli USA, sempre contro la Bulgaria, festeggiammo la vittoria con un tuffo nella fontana. I […]

Read More →

Festa bianca La gente è già allegra sulla metro, qualcuno suona l’armonica. File paurose ai distributori di biglietti ATM e palco bassissimo in piazza Duomo. Sono le uniche pecche di un sabato fresco non-stop a Milano. Per una volta il bighellonare fino a stremarsi ammiccando alle endemiche passeggiate a Londra e Parigi: è piacevole. Poi […]

Read More →

Pendolino infruttuoso Dopo essere stato rinchiuso nella web farm del server compromesso, mi aspettavo di tutto. Scioperi dei treni e il boss che pranza nella nostra enclave di sottoproletariato. Allo stadio si celebra, in una splendida giornata, il 5^ torneo “De Gasperi”. Corro a bordocampo, sprecando frasi corrive agli amici in campo (per poco). Quest’anno […]

Read More →

Piadina colombiana La pausa pranzo mi restituisce un po’ di atmosfera universitaria: un vagone anni ’50 delle Nord vomita me e Barbara nel campus Bovisa. Universitari e piadine; “ambiente informale” si potrebbe dire con distacco e sussiego. Il sole batte incosciente, e le strade brulicano di studenti, coi loro sandali, con il loro cavallo basso. […]

Read More →

Telelombardia buca il video annunciando le ventilate dimissioni dell’ennesimo allenatore. Rinfaccia più volte che non ci sia né conferma né smentita ufficiale sul sito. Un po’ mi indispongo, quasi toccato sul vivo. Come d’Annunzio sopra Fiume, vorrei intervenire, poi soprassiedo languidamente. Anzi, mi allieto della puerile ingenuità con cui il dirigente di turno confessa di […]

Read More →

“Ne avevo davvero bisogno” Ecco tutta per me una confezione di “P e n 1 s E_n_l_a_r_g.e_r”. Finalmente i vagheggiamenti si concretizzano nella colorata confezione (a forma di videocassetta) regalatami dai colleghi, al lavoro. Formidabile! Era rifinita davvero con cura, tanto da convincermi fosse autentica. Gli infiniti istanti in cui brancolavo in cerca di frasi […]

Read More →

Il fancazzismo dilaga. Più del caldo afoso, più dei dubbi sul futuro valgono i messaggi di auguri arrivati a frotte. Mi dissanguo per i pasticcini, ma ne valeva la pena: i festeggiamenti sono pepati da una riffa aziendale orchestrata dal biscazziere di turno. 10 euro per essere abbinato a una partecipante all’europeo. Forza Svizzera! Con […]

Read More →