Ho dimenticato la fede a casa; allora `ogni uomo sposato dovrebbe dimenticare i propri errori: non c’è ragione perché due persone ricordino le stesse cose` Duilio Del Prete interpretava in “Amici Miei” un Necchi algido e geniale. Pirotecnico, meno boccaccesco del successore Montagnani: memorabile quando, imbucato ad una festa, si liberava nel vasino di un […]

Read More →

Giornata abbastanza convulsa: si discute per regali importanti ricevuti da alcuni colleghi. Quindi nuovi documenti e nuove sezioni per il corso allenatori e pagine interne. A fine maggio il parco Trenno è suggestivo. Prati e natura e bambini che saltano. Anche in palestra è un piacevole tripudio di colori: roseti, siepi curate. Ora anche la […]

Read More →

Spettacolare serata di maggio: i grilli fuori casa, una brezza solo tiepida e un po’ d’intimità con Fabiola, rossa come un peperone dopo il sole friulano. Incrocio la finale di Champions League: i commentatori si stracciano le vesti (“arrogante”, “offensivo”) quando l’allenatore del Porto abbandona il kitsch della premiazione, ed esita a saltellare come imporrebbe […]

Read More →

Tre giorni con Miriam e Luca, all’insegna del mare, del sole e della natura. Il giorno prima mi tradisce la macchina digitale: poco male. Partendo, all’alba, la splendida visione di un fagiano a pochi metri da casa. Ma la musica cambia presto: a Venezia non troviamo il biglietto dell’autostrada. Il casellante, ieratico “si paga da […]

Read More →

Un addio al celibato da organizzare e un viaggio da tenere nascosto a moglie e amica: troppi segreti una memoria che comincia a perdere colpi. Un programma da non perdere è il Dave Letterman Show: raramente banale, volgare quanto basta e sagacemente autoironico. Ieri sera, oltre a Alanis Morrisette, Antonio Banderas e uno spassoso trailer […]

Read More →

Una piadineria gestita da un sudamericano in un quartiere ex-operaio e con il menù in romagnolo: la scena per la festa di compleanno di un’amica. Mi cimento alla piastra, con un caldo terrificante ma lenito dal profumo ferale di grasso che cola. I vestiti sono da buttare, ma gli incubi notturni ripagano di gran lunga […]

Read More →

Sabato, a sorpresa, ritorno in sede per un delicato intervento di alto profilo: staccare e riattaccare l’alimentazione a un router. Non posso però gloriarmi con gli amici: il locale dell’aperitivo è sovraffollato e ci intimano, all’ingresso:” tra un’ora ho un compleanno, e dovrete far posto”. La compagnia è godibile, un vecchio amico dell’università con la […]

Read More →

Stamattina la solita scena: le vecchiette, alla cassa prima di me, si fanno levare dalle mani le monete per pagare il pane. La commessa che, prima di congedarle con una frase in dialetto, snellisce il tutto prendendo solo le monete utili. Stanno da due parti opposte, due ruoli distinti. Ma il rapporto è consolidato dal […]

Read More →

Molte ore del mio lavoro non mi appagano: sono pagine di servizio che illustrano iniziative non sempre luminose. Ma che sono necessarie alla completezza dell’informazione. Chi mi trova malinconico o pessimista forse identifica la malinconia che ha in sè. “ho detto” 🙂 Trovo odiosa la pubblicità di Tre: prima i manager che, in pausa, si […]

Read More →