La commessa, secca e rifinita, sbotta con acribia: “Questa è la cassa veloce, mi fermo a 10 pezzi”. Non c’è nessuno in coda. Nessuno all’Esselunga. Ma pago. Autobus sotto il diluvio, esterno giorno, divampa la solita avvincente sfida per i posti a sedere: vecchi pensionati che lasciano il posto a pensionati più vecchi. Jeff mi […]

Read More →

Biglia bianca1: finalmente, in sede, funziona il secondo decoder. Crescerà l’efficacia con cui seguiamo le partite per il sitone. Biglia Bianca2: un sito che mi ringrazierete Biglia Bianca3: 90 anni per il mio nonno (foto). Un vero mito; arrivassi io -a questo traguardo volante- così lucido, energico, informato e comunista! Vexata Quaestio: dove si acquista […]

Read More →

Più della presenza, sto avvertendo le assenze. Senza retorica piazzo nottetempo bandiera della pace e tricolore sul balcone, per il 25 aprile. Ma pochi varcano l’ignavia: almeno ci fosse qualche bandiera americana… A Ossona mi accompagnano il mio babbo e due ex-vicini. Mi incuriosisce il sentimento partiottico difforme, paese per paese. Manca anche Dorian Gray […]

Read More →

L’Inter smorza lo slancio verso il quarto posto. Scialba partita con la Lazio, ma sono opaco. Poco riposo e libagioni, sono reduce da una gradevole serata: cena ad Oleggio e vasca sul lago Maggiore. Vale e Cri hanno lasciato a casa la bimba: non uscivamo la sera da oltre un anno. Una cena per 8, […]

Read More →

La palina della “73” sentenzia “alterata”. Eccomi rientrato a Milano. Ieri una toccata e fuga a San Marino per una lezione al Master Internazionale. Sono 780Km, metà mi passano chiacchierando con Barbara. Il ritorno, invece, è solitario ma allietato da un concerto di Ruggeri su Radio2. Subito, espatriato, realizzo la differenza: colline verdi e in […]

Read More →

Un pomeriggio illuminato ad ascoltare Stallman. Spesso l’importante è essere chiari nell’esporre le proprie idee. Riuscire a trasmetterle e colpire chi ti ascolta. Il messaggio può essere semplice (come per Chauncey Gardiner ol Principe, ne `L’idiota`), ma deve toccare, vellicare e smuovere gli altri. Idee geniali ma espresse in maniera contorta hanno conseguenze esiziali. Il […]

Read More →

Due giorni funestati dal maltempo non impediscono a me e Fabiola di vivere incoscientemente zingari. Sabato di divertiamo con una cena (curata) a casa di amici. Due persone di indole e interessi difformi, e che quindi celano sicuramente sintonie più preziose. Il fine è vedere “La passione” di Gibson nella folla di Cerro. Una pellicola […]

Read More →

Un pugno allo stomaco mi raggiunge sulla strada di casa. L’Inter non ha dato più sussulti del branzino ripulito sotto la sede. Ma l’esecuzione dell’Italiano in Iraq mi ridesta; rivedo e rivivo gli ultimi attimi nella descrizione della radio. La mia palestra, le polemiche sul lavoro per gli interventi sconclusionati ed inopportuni di Capace, il […]

Read More →

C’è un dogma più mistico della transustanziazione, un assioma più inconfutabile di quelli della geometria euclidea. Quando l’Inter vince, i giornalisti succhiano a piene mani da Inter.it. Non appena perde, o vince con qualche polemica, riscoprono la foia di criticare e commentare. Restano zitti e scopiazzano quando fa loro comodo, come fossero drogati, intontiti. Non […]

Read More →