La vicinanza di elementi infetti alla fine è risultata determinante. Raucedine, opacità,tosse davvero importante e, quasi sicuramente, febbre. Infatti me ne torno all’ovile subito.L’indisposizione mi pesa non tanto per la lezione in dubbio di domani alla Bocconi, quanto per la patetica prestazione al solito torneo dopo-pranzo Biglia Bianca: finalmente Virgilio ha prodotto un report per […]

Read More →

Devo pagare il bollo. L’economia domestica ha regole di una semplicita’ disarmante. E’ apodittico che le bollette vanno onorate, che l’ICI arriva finché non si alberghi sotto i ponti etc etc. Nel mondo della corporate governance, invece, i confini sono più labili. Prima si cercavano di nascondere gli utili, per pagare meno tasse. Ora invece […]

Read More →

Mi preparo senza entusiasmo alla quarta edizione del Master FIFA, venerdì alla Bocconi. Quattro interminabili ore a smozzicare termini eleganti in un inglese stentato di fronte a una platea globalizzata e superficiale. Ma anche un un punto per riflettere che dopodomani, inauguro il nono anno all’Inter. Sono cresciuto? Riesco a trasmettere loro qualcosa? La sensazione, […]

Read More →

Provo io ad assentarmi per 34 giorni, lasciando vaghe indicazioni sulla mia situazione. Nessuno si chiede dove sono, nessuno sa. Situazione normale, in Italia? La vexata quaestio la solleva Cristiano, nel mezzo di una cena bagnata da Vermentino e divagazioni, parliamo di tutto e di un problema serio. Nessuno si chiede dove sia il presidente […]

Read More →

Ti ritrovi stremato svaccato sul divano: può bastare un’ora di palestra per farti raggiungere la pace dei sensi e non hai nulla in più da pretendere da uno sciapo venerdì sera. L’ambiente è patinato all’Harbour club, tutti hanno in faccia l’aggettivo ‘esclusivo’, io escluso. Propalare appartenenza elitaria, ho lo sciampoo del LIDL e non quello […]

Read More →